Attrezzatura per il campeggio: migliori tende da campeggio, accessori, tutto di tutto

La natura è capace di offrire spettacoli straordinari, a chiunque si fermi ad osservarla. E il campeggio è, sicuramente, il miglior modo per apprezzarla e viverla appieno. Ma per provare questa esperienza in tutto il suo fascino, è necessario dotarsi della giusta attrezzatura. Solo così sarà possibile affrontare con il sorriso, ogni più piccolo imprevisto o disagio temporaneo che può caratterizzare questo tipo di villeggiatura. Iniziamo, quindi, il nostro “viaggio” proprio da qui.

Lo spirito d’avventura

Il mercato attuale offre una serie di prodotti pensati appositamente per il campeggio. Essi sono in grado di offrire praticità e soluzioni a portata di mano, durante tutti i momenti della giornata. Eppure, la prima cosa da ricordare quando si parte, quella di cui proprio non si può fare a meno, è portare con sé lo spirito giusto. Si tratta pur sempre di andare incontro a delle situazioni di precarietà, perlomeno rispetto a quelle abituali, ed occorre necessariamente adattarsi.

Armarsi di una buona dose di pazienza é quindi, sicuramente, un ottimo punto di partenza. Per vivere il campeggio nel modo migliore e trarne ogni possibile beneficio, per la mente e per il corpo. Ma anche per tutte le persone che condividono questi momenti insieme a noi.

Consigli utili

Il campeggio è un’attività che viene generalmente programmata durante l’estate, o comunque in una stagione abbastanza mite. Ciò non esclude che possa essere vissuta anche in altri momenti dell’anno, con le relative accortezze e l’opportuna aggiunta di dotazioni accessorie. Anche la durata dell’itinerario può essere stabilita a piacimento. Da pochi giorni a qualche settimana: l’importante è che non manchi mai il necessario, affinché le cose siano gestibili in modo sereno. A proposito di ciò, prima di addentrarci nella lista dei vari materiali da acquistare, diamo un po’ di consigli pratici. Questi hanno a che fare, sostanzialmente, con il luogo o i luoghi in cui si andrà a sostare.

Se la destinazione è nuova, il consiglio prioritario è quello di arrivare il prima possibile

Ciò consente di avere, oltre a tutto il tempo di sistemarsi con tranquillità, anche la possibilità di cambiare rotta, nell’eventualità in cui ci sia qualcosa che non convinca. Perché va bene lo spirito dell’avventura, ma mai lasciare tutto al caso: si tratta pur sempre di una vacanza ed è giusto goderla al meglio delle possibilità.

Mare o montagna

A proposito di mete… non sapere ancora dove andare? Se si tratta della prima esperienza, sarebbe meglio optare per un camping al mare. Grazie alla tipologia di territorio in cui si colloca, esso risulta infatti generalmente migliore rispetto ad uno di montagna, sia da un punto di vista pratico che organizzativo. Non è però una regola: ovunque si vada, ci sono camping super attrezzati ed altri molto più semplici ed alla buona. Quelli di mare, comunque, risultano sempre in linea di massima più ampi e ricchi di servizi. E non presentano inconvenienti di sorta come, ad esempio, quello di dover montare la tenda su di un tratto in cui non si riesce a riposare, perché troppo in pendenza.

Vero è che, ognuno di noi, sa bene cosa cerca quando sta programmando una vacanza. E prima di partire per un posto nuovo, anche se si è super esperti di campeggio, si raccolgono su di esso moltissime informazioni. Sul clima e la conformazione del territorio, ma non solo.

Il camping

Relativamente al camping, è bene informarsi anche su altri aspetti, come ad esempio i metodi di pagamento previsti, l’offerta dei servizi igienici, la presenza o l’eventuale prossimità di un supermercato, postazione indispensabile per un lungo periodo di permanenza, ma anche se si hanno al seguito dei bambini piccoli.

Per fortuna, grazie al web, da questo punto di vista oggi è davvero difficile avere brutte sorprese!

Se invece siete già esperti (ma stanchi!) di camping organizzati, e cercate un’alternativa, potete provare il campeggio libero. Un consiglio prioritario, a tal proposito, è quello di non andare mai completamente all’avventura. E’ infatti possibile che, nella meta da voi prescelta, vi possano essere delle limitazioni. Bisogna dunque sempre informarsi accuratamente in relazione a questo aspetto.

L’Italia, l’Europa ed il mondo intero, sono pieni di luoghi magnifici, che vale la pena visitare anche più volte nella vita. Spesso, però, si tratta di parchi protetti e tutelati da norme molto rigide. Norme che però risultano estremamente importanti, e talvolta vitali, per contenere un turismo selvaggio che potrebbe nuocere, e non poco, alla salute ed alla bellezza di queste incantevoli riserve naturali.

L’equipaggiamento

Andiamo adesso al sodo dell’equipaggiamento. Per fornire una guida il più possibile utile ed efficace, distinguiamo le varie attrezzature a seconda della loro specifica funzionalità. Dunque, dopo aver fatto una prima essenziale panoramica sulle tipologie di tende disponibili sul mercato, passiamo a valutare quali siano gli elementi necessari per le diverse attività quotidiane: dormire, mangiare e spostarsi. Vediamo poi, infine, quali sono anche tutte le dotazioni indispensabili per far fronte ad eventuali emergenze.

 In questo modo si può vivere sì un’avventura emozionante… ma in tutta sicurezza!

La tenda

Per quanto riguarda l’occorrente per dormire in campeggio, il primo acquisto da effettuare è, naturalmente, la tenda. Si tratta di un elemento da scegliere con la massima cura, in base alle caratteristiche del posto in cui sarà montata, alle condizioni climatiche che da affrontare ed al numero di persone che dovrà ospitare. I modelli in commercio sono tantissimi, ma possiamo riassumerli secondo questa casistica generale:

  • tenda a igloo (è la più leggera e semplice da montare, ideale per chi si sposta di frequente o per chi ama viaggiare in solitaria);
  • tenda canadese (più pesante e complessa da montare, ma molto più spaziosa, è il classico modello con il tetto spiovente);
  • tenda a casetta (ancora più pesante e laboriosa da montare, offre la zona notte separata dall’ingresso – soggiorno ed è quindi la migliore per le famiglie).

 Mentre le ultime due tipologie sono chiamate familiari, la tenda a igloo è indicata in gergo come Two seconds, per sottolinearne la facilità di montaggio. Una variante ulteriore, ancora più leggera e pratica, è la cosiddetta tenda da trekking, pensata proprio per chi deve trasportarla a lungo sulle spalle.

Il costo di ogni modello può mutare in base a tutta una serie di variabili accessorie come: un sistema d’illuminazione a led integrati, il numero di posti,  la presenza di finestre ed il materiale di rivestimento, che può essere mono o doppio telo (quest’ultimo più protettivo dalle intemperie).

 Indispensabili al montaggio della tenda sono inoltre altre componenti accessorie quali picchetti, corde, tiranti, piccone, martelletto ed un telo impermeabile.

Per dormire

Vediamo ora quali sono gli articoli specifici da acquistare ed inserire nella tenda per riposare. Si tratta essenzialmente di: sacco a pelo, materassino, brandina, cuscino e coperte. Il sacco a pelo è da scegliere in base alla stagione ed al luogo in cui si dormirà. Di conseguenza, grande importanza va data ai materiali che lo costituiscono ed alla relativa imbottitura, nonché al modello in grado di assicurare il miglior comfort. Da questo punto di vista, le distinzioni principali per i sacchi a pelo sono due:

  • rettangolari, più ampi ed in grado di fornire una certa mobilità;
  • a mummia, più aderenti e costrittivi, ma in genere migliori da un punto di vista di isolamento termico.

Anche per il materassino le categorie entro le quali poter scegliere sono sostanzialmente due: quello in poliuretano espanso e quello ad aria compressa. Questo secondo modello è generalmente più economico, ma ha lo svantaggio di doversi portare dietro anche la pompa per gonfiarlo. Alcuni materassini hanno inoltre il cuscino incluso, il che è una grande comodità, dato che in alterativa andrà acquistato a parte. Le coperte vanno, ovviamente, selezionate in base alla stagione ed alle personali abitudini.

Un’ulteriore dotazione, per avere il massimo comfort e facilitare il riposo, può essere data dalla brandina. Esistono dei modelli pieghevoli, davvero molto pratici da portare in campeggio. Ciò che però bisogna valutare con attenzione è la portata, perché ogni modello è caratterizzato da un peso e da un’altezza massimi supportati. Consigliamo di stare su un modello robusto, e quindi più costoso, se si tratta di un attrezzo che potrebbe tornarci utile anche in casa. Ad esempio, nell’eventualità di avere ospiti che si fermano per pochi giorni.

Per ogni evenienza notturna, un altro accessorio fondamentale è la torcia elettrica. Mentre tappi per le orecchie e maschere per gli occhi, sono certamente molto utili a facilitare il riposo nel caso di un camping affollato, ma vanno scelti secondo una personale necessità.

Per mangiare

Uno strumento indispensabile per cucinare in qualsiasi posto ci si trovi, è il fornello da campo. In commercio ne esistono di varie tipologie, alcune a gas, altre a combustione. I modelli migliori si possono utilizzare anche come barbecue. Il rivestimento in acciaio inox li rende robusti e indeformabili e, tuttavia, pieghevoli e leggeri, in grado di occupare il minimo ingombro. La struttura dentellata è studiata per avere la migliore stabilità, anche in presenza di vento. Per la combustione è possibile utilizzare rametti, foglie e il legno anche disponibile sul posto.

Andranno portate, com’è ovvio, delle pentole appropriate e delle stoviglie utili a consumare i cibi, secondo le proprie abitudini e lo spazio a disposizione. Nonché, una bacinella abbastanza grande per poter poi lavare agevolmente il tutto, e dei canovacci puliti per asciugarlo.

A proposito della consumazione dei pasti, se si è in una o due persone, si può tranquillamente usare un telo (sempre meno costoso e poco ingombrante da portare). Ma se si è soliti viaggiare in famiglia, risulta senza dubbio più opportuno acquistare un apposito tavolo da campeggio pieghevole.

Altra dotazione indispensabile sono i sacchetti per la raccolta dei rifiuti. Vanno selezionati, nella tipologia e nel numero, con l’accortezza di poter dividere accuratamente i rifiuti organici da quelli in plastica, vetro, carta o metallo. Del resto, se si ama davvero la natura, si sa quanto sia importante rispettarla e svolgere queste operazioni nel modo più corretto e avveduto.

Per spostarsi

Primo elemento utile, per escursioni e giri turistici, sono le scarpe. Devono essere comode e selezionate con estrema cura, tenendo conto anche del terreno da affrontare. Un’accortezza indispensabile sui sentieri di montagna, dove é assolutamente vietato avventurarsi in ciabatte e infradito. Anche in piena estate. Perché in alcuni luoghi è molto facile essere sorpresi da temporali improvvisi ed anche molto violenti. La prudenza, da questo punto di vista, non è mai troppa.

Una calzatura leggera ma impermeabile è l’ideale. Così, anche se si deve attraversare un ruscello o un tratto fangoso, non si rischia di dover stare ore con i piedi bagnati.

Anche l’abbigliamento deve essere comodo e preferibilmente a strati, così da poter essere gestito al meglio. Molto utile avere con se’ anche una lozione per proteggere la pelle dalle punture degli insetti, sempre molto attivi nelle zone naturali e boschive. Altrettanto indispensabili, una crema solare ed un copricapo, leggero ma efficace, per non rischiare scottature né colpi di calore improvvisi. A tal proposito, non dimenticare mai una bottiglietta termica, per tenere l’acqua o la bevanda preferita ad una temperatura gradevole. E neppure un marsupio, per custodire e portare con sé, tutti gli effetti personali importanti (come documenti, denaro contante, telefono).

Un oggetto fondamentale, a seconda delle situazioni, è lo zaino. Se si tratta di affrontare lunghe camminate, sarebbe infatti preferibile avere con sé un borsone, più che un marsupio. In questo modo si avrà a disposizione tutto l’occorrente per passare anche un’intera giornata fuori casa.

Per le emergenze

E fuori casa si sa, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo! Soprattutto se si viaggia in famiglia e sono presenti dei bambini, o delle persone soggette a una qualche fragilità. Per questo motivo, è sempre molto utile avere a disposizione anche un’attrezzatura per saper affrontare, con la dovuta prontezza che occorre in tali situazioni, dei piccoli incidenti o infortuni.

Fermo restando le precauzioni specifiche e i medicinali, che hanno sempre un uso prettamente personale, ci sono degli elementi di impiego comune che è bene non manchino mai, neppure in campeggio.

A questo proposito, può essere utile sapere che esistono dei set già completi e pronti all’uso, acquistabili anche sul web. Si chiamano kit di primo soccorso e si tratta di borse impermeabili contenenti una serie di dotazioni utili. I più forniti possono includere fino a 90 dispositivi, tra cui un sacchetto di ghiaccio istantaneo e pronto all’uso, una soluzione sterile, forbici per medicazioni, termometro digitale, laccio emostatico, cotone idrofilo e un sacchetto per i rifiuti medicali. Nonché, naturalmente, un’ampia serie di garze, bende e cerotti a dimensioni differenziate e, in alcuni casi, persino una coperta isotermica. Tutto il contenuto é rigorosamente certificato ed approvato a livello sanitario: garanzia di ciò è la denominazione CE, impressa su ogni articolo. Tra i migliori segnaliamo The Body Source, Aiesi e Surviveway.

Oltre alla convenienza economica che caratterizza questo tipo di prodotti, la comodità sta anche nel poter avere a disposizione così tante soluzioni, in un unico formato, pratico e super compatto. Qualità che in viaggio, e durante ogni spostamento, contano sempre moltissimo! 

Marchi consigliati per le tende

Le marche valide cui poter fare riferimento per le attrezzature da campeggio, sono diverse. Il consiglio è sempre quello di scegliere, innanzitutto, sulla base delle proprie abitudini personali ed eventualmente del proprio nucleo familiare, nonché dal tipo di luoghi che si desidera visitare in un’esperienza di campeggio. Detto ciò, la spesa presumibilmente più consistente sarà sostenuta per la tenda. A tal proposito, vogliamo segnalare le ricche collezioni di Ferrino, Coleman e Skandika, dove è possibile trovare modelli di ogni tipo e grandezza. Di buona qualità anche le tende distribuite da Queedo, V Vontox ed High Peak.

I prezzi delle tende possono variare moltissimo, da poche decine di euro a diverse centinaia. D’altra parte, come abbiamo visto sopra, in gioco ci sono molti fattori: dall’ampiezza degli interni, ai materiali che le costituiscono, fino alle modalità di montaggio ed ai diversi accorgimenti tecnici, eventualmente presenti su di esse. I relativi costi sono, inoltre, soggetti per natura a cambiamenti ed oscillazioni di varia entità. Consigliamo quindi di verificarli sempre sui canali ufficiali dei marchi produttori.

Marchi consigliati per gli accessori

Facendo una rapida carrellata sugli accessori, le marche da segnalare sono, in molti casi, le medesime delle tende. Per i sacchi a pelo, consigliate sono anche Forceatt, Milestone e Just Camp. Per i materassini gonfiabili, super valide Pavillo ed Active Era. Per un riposo di qualità anche fuori casa, brandine, tappetini e cuscini di ottima fattura presso Evergreenweb, Tresko, Intex e Trekology. Per i fornelli consigliamo in particolare quelli di Tomshoo e Reehut.

Per le torce e i supporti a led da campeggio, risultano validi e convenienti i modelli di Lighting Ever, Prozol e Omeril. Per il pentolame, ottimi riferimenti Odoland e Bisgear. Per i set tuttofare segnaliamo, tra gli altri, i pratici prodotti distribuiti da Morpilot, Bibury, Orsifow e Rose Kuli.

Anche per gli accessori, i prezzi variano sensibilmente, in base allo specifico prodotto, alle sue caratteristiche tecniche ed ai vari andamenti di mercato. Per questo motivo, anche per gli articoli qui menzionati, é raccomandato di riferirsi sempre ai canali ufficiali dei rispettivi marchi produttori.
Giuseppina Paterna

Laureata in Marketing e Comunicazione, ho avuto diverse esperienze professionali in campo pubblicitario. Amo leggere e scrivere da sempre interessandomi di vari ambiti; in particolare moda, benessere, design e tecnologia. Scrivo anche poesie, alcune delle quali pubblicate in volumi antologici.

Back to top
menu
Attrezzatura Campeggio