Sacchetti per urina da campeggio: pro e contro

Immergersi nella natura, riscoprire il piacere della condivisione, eliminare il superfluo per apprezzare l’essenziale, tutto questo ci aspetta quando scegliamo di campeggiare. Non è meraviglioso? In questo modo possiamo davvero staccare la spina dalla routine urbana quotidiana! Ovviamente il campeggio comporta un modo di vivere “alternativo” rispetto ai comfort domestici a cui siamo abituati in casa o quando andiamo in un albergo. Di questo dobbiamo esserne ben consapevoli. Dunque lasciamo ogni perplessità o paura alle spalle, è gettiamoci in questa fantastica avventura che ci rimarrà nel cuore per lungo tempo.

Ma come possiamo attrezzarci in modo adeguato per affrontare le giornate di camping? Per prima cosa, bisogna organizzare e scegliere con criterio cosa portarsi dietro e cosa no. E’ vero che non dobbiamo caricarci di troppi pesi (sia se viaggiamo a piedi ma anche se ci spostiamo in auto), ma è vero anche che dobbiamo essere preparati a fronteggiare al meglio l’imprevisto.

Sicuramente dovremo portare con noi l’occorrente per crearci un riparo e per dormire, come la tenda, il sacco a pelo o la brandina, un materassino, un cuscino ed eventuali coperte. Poi dovremo attrezzare la nostra zona giorno in modo da poter cucinare e rilassarci. Dunque come equipaggiamento essenziale porteremo con noi: fornelletto da campo, stoviglie, posate, bicchieri, piatti. Se possiamo, portiamoci anche delle sedie e un tavolino pieghevoli. Ci saranno d’aiuto non solo per mangiare ma anche per altre attività come scrivere, studiare e disegnare. E’ importante avere la possibilità di avere in campeggio un piano d’appoggio!

Resta la questione bagno. Vediamola meglio.

Andare in bagno in campeggio

Potrà sembrare un aspetto secondario, ma organizzarsi per la “questione bagno” quando si va in campeggio non è un aspetto da poco. Anzi. Per alcuni è il problema principale, la causa per cui non si vuole campeggiare, è proprio questa: si hanno delle remore a condividere il bagno con gli altri, con degli estranei.

Non tutti sono contenti all’idea di dover correre dalla propria tenda verso il bagno al momento del bisogno. Pensate poi alle donne incinta, ai bambini e agli anziani. Per loro la questione diventa ancora più delicata.

Ma non preoccupatevi troppo: a tutto ci sono soluzioni o alternative valide. Potreste procuravi una pratica toilette da campeggio. Ne esistono di diversi tipi e permettono di essere usati sia in campeggio che in altre occasioni all’aperto come picnic o durante viaggi lunghi in camper e roulotte. Ma è una soluzione leggermente ingombrante e dal costo non proprio economicissimo.

Potreste optare allora per dei comodi ed economici sacchetti per urina da viaggio. 

Caratteristiche

I sacchetti per l’urina sono sono concepiti per tutte quelle situazioni in cui non è possibile usufruire dei servizi igienici o perchè non ci sono nelle vicinanze o perchè sono poco igienici e/o impraticabili.

Pensate a quando siete bloccati nel traffico e vostro figlio sente di dover andare assolutamente in bagno…che fate? Siete incolonnati in una fila lunghissima quindi non potete neanche accostare da qualche parte. Ma niente panico! Vi serviranno appunto i sacchetti per l’urina! Lo stesso varrà in situazioni di emergenza in campeggio.

Come sono fatti questi sacchetti? Sono realizzati in cotone idrofilo e la carta assorbente interna polimerica è in grado di assorbire, appunto, non solo l’urina ma anche vomito e altri rifiuti liquidi. Basterà aspettare circa 1 minuto per trasformare questi liquidi in gel inodore. Ogni sacchetto ha di solito un altro sacchetto annesso per rifiuti in modo da poterlo riporre dentro e buttare nell’immondizia alla prima occasione disponibile.

Questi sacchetti hanno di solito una capienza di circa 600ml e sono monouso (ogni sacchetto non si può riutilizzare).

Alcuni hanno anche un piccolo beccuccio che, fungendo da imbuto, agevola il loro uso, soprattutto alle donne.

Pro e contro

I sacchetti per l’urina da campeggio sono veramente economici, pratici, facili da utilizzare, poco ingombranti e leggeri.

Sono l’ideale da portare con sè in borsa per essere pronti alle emergenze.

Presentano però anche degli svantaggi:

  • sono pratici sì ma poi bisogna tenerli con sè, una volta usati, finchè non si trova un luogo apposito dove gettarli
  • bisogna chiuderli bene per evitare perdite
  • non permettono una grande privacy
  • sono piccoli quindi bisogna essere molto precisi quando vengono usati per evitare di non centrarli

Dunque quando si sceglie di comprare e usare questi sacchetti, bisogna essere consapevoli che ci risolveranno un problema ma, allo stesso tempo, sono soluzioni provvisorie e concepite per emergenze. Quindi bisogna accettarne i limiti senza aspettarsi quei comfort tipici di una toilette vera e propria.

Quanto costano e le marche migliori

I sacchetti per l’urina possiamo acquistarli comodamente online. Lì troveremo tutte le marche come OTraki, Bramble, Deer Platz, Reoohouse.

Hanno un costo che varia dai 12 ai 30 euro. Il prezzo cambia sia in base alla marca sia in base a quanti pezzi contiene la confezione. Si va da un minimo di 4 sacchetti fino ad arrivare a 24 pezzi. Ricordiamo poi che ogni sacchetto al suo corrispettivo sacchetto per rifiuti.

La maggior parte dei modelli sono monocolore (di solito blu) ma ci sono alcune marche che optano per un design più fantasioso, con alcuni disegni perfino, per rendere il sacchetto più gradito al pubblico dei bambini.

Mi chiamo Roberta ed ho una grande passione per la scrittura. Ho studiato cinema e svolgo varie collaborazioni con realtà audiovisive. Sono curiosa e mi piace affrontare ogni argomento raccontandolo con semplicità e entusiasmo. Mi appassionano il mondo della tecnologia, della natura e quello della casa.

Back to top
menu
Attrezzatura Campeggio